Benessere animale Interviste Pneumologia

Federica e la sua esperienza con l’asma equina

Ritorna il progetto dei casi clinici: oggi concludiamo il ciclo sull’asma equina con Federica e Dal√¨, il suo PSA.

Ciao a tutti siamo Federica e Dal√≠, un PSA di 7 anni. Ci siamo incontrati a fine gennaio 2019 e il 6 febbraio l’ho portato a casa. Con Dal√≠ faccio diverse attivit√† come passeggiate, liberty e, da due 2 anni, monta in leggerezza. Abbiamo fatto diverse esperienze insieme, il mio obiettivo con lui √® divertirci e portarlo ad alti livelli nella L√©g√®ret√©. 

Una delle prime cose che chiede un veterinario è la storia, in termini tecnici anamnesi, del cavallo. Raccontaci un po’ di lei, come l’hai presa, che tipo di lavoro faceva prima… e quindi cosa hai fatto tu poi.

Dal√≠ l’ho trovato su subito.it, in quel periodo cercavo un cavallo da endurance e lui per et√† e struttura fisica era adatto, poich√© avrei potuto fare tutto il percorso di qualificazione con lui (dalle 30km alle 160km). Prima che lo comprassi non faceva assolutamente nulla era fermo da mesi e poi quando l’ho comprato l’ho rimesso in lavoro partendo dal lavoro alla corda. 

Quando ti sei accorta che qualcosa non andava? C‚Äô√® stato un evento scatenante che ti ha fatto drizzare le antenne o √® stato qualcosa di pi√Ļ graduale?

Mi sono accorta che non stava bene solo 10 giorni dopo averlo portato a casa poich√© presentava evidenti sintomi di bronchite (molto scolo nasale, una forte tosse persistente e abbattimento). 

Visto che qualcosa non andava, che cosa hai fatto?

Era un venerd√¨ quando ho notato il drastico peggioramento del suo stato di salute ed ho subito chiamato la veterinaria che √® arrivata il luned√¨. 

Quando è arrivato il veterinario, che cosa ti ha proposto di fare?

La veterinaria ha subito proposto una terapia molto aggressiva nei confronti dei sintomi con forti antibiotici, cortisonici, mucolitici, anche se la prognosi era molto negativa e la veterinaria sospettava che non fosse una bronchite acuta ma cronica. 

Vi siete subito resi conto che era un attacco di asma o ci è voluto del tempo per capire cos’era?

Mi sono subito accorta della sua patologia perch√© i sintomi erano molto evidenti non c’√® stato un peggioramento graduale ma in due giorni ha avuto un crollo. 

Nel mentre, si sono presentate altre problematiche?

Mentre era in cura, si sono presentate diverse problematiche ti tipo comportamentale. 

Diagnosticata l’asma, come vi siete posti con la terapia?

Dopo 1 mese e mezzo di terapie √® arrivata la diagnosi di BCO (bronchite cronica ostruttiva) √® stato molto devastante perch√© non me l’aspettavo pensavo di aver comprato un cavallo sano visto che a tutte e 3 le prove stava bene. 

La veterinaria mi ha consigliato di mandarlo in malga per l’estate e poi mi ha dato vaghe indicazioni sulla gestione (che per questi cavalli sono l’unica medicina) per cui non √® stato gestito da subito nel modo corretto e l’infiammazione non regrediva mai. 

Poi consultando anche altri veterinari ho trovato un ottimo equilibrio tra farmaci e gestione, oggi Dal√≠ vive in paddock H24, mangia fieno depolverizzato, ma anche con un ottimo fieno normale sta bene; tuttavia, sono pi√Ļ difficili da reperire.

Quando iniziano i primi sintomi di una crisi d’asma (come cattiva respirazione, affaticamento nel lavoro, qualche colpetto di tosse) somministro subito il Buran (mangime complementare per equini) ed il miele che lo aiutano molto, qualora non bastassero passo al cortisone che purtroppo √® l’unica terapia efficace per l’infiammazione dei polmoni.

Se invece ha muco e una tosse grassa intervengo col Bisolvon¬ģ ed il Ventipulmin¬ģ

Ma devo dire che dopo la malga ha avuto solo 2 attacchi allergici per il resto √® sempre stato bene grazie alla corretta gestione. 

Arriviamo al presente: come sta Dalì ora? Ha risposto alla terapia?

Oggi Dal√≠ sta benone, non stiamo facendo nessun tipo di terapia al momento e svolge le sue normali attivit√† senza limiti, purtroppo l’asma √® una malattia cronica per cui ce la teniamo come nostra compagna di avventure. √ą un cavallo molto forte e resiliente. 

Ha stupito tutti, dalla prognosi iniziale sembrava molto grave (addirittura bolso), invece con tante cure e attenzioni si √® ripreso alla grande. 

Ho imparato ad osservarlo bene e ad intervenire al minimo segnale cos√¨ da poter prevenire qualsiasi attacco d’asma. 

Potrebbe piacerti...

Rispondi